La prima richiesta di brevetto nel 2011 per iWatch


Il sito web Appleinsider ha scovato la documentazione relativa ad una richiesta di brevetto da parte di Apple avanzata nel mese di agosto 2011 e legata a quello che potrebbe essere l’incarnazione del fantomatico smart watch della Mela, altresì conosciuto con il nome di iWatch.

Dalle immagini della documentazione, così come nelle note esplicative, si evince che Apple ha in mente (anche se l’evoluzione del progetto potrebbe aver imboccato altre strade) un dispositivo simile ad un braccialetto più che ad un vero e proprio orologio, dotato di un display flessibile capace di circondare interamente il polso dell’utente.

21312 iwatch1

La Mela, in particolare, avrebbe indagato la possibilità di realizzare il dispositivo sulla base dei braccialetti a schiaffo, o slap band, che tanto andavano di moda tra i giovani più di qualche anno fa. Si tratta di braccialetti costituiti da una listella di metallo opportunamente sagomata che una volta sbattuti sul polso si richiudono completamente attorno ad esso evitando di poter scivolar via o cadere.

L’idea di Apple sarebbe quindi quella di usare una listella in metallo come “anima”, attorno alla quale collocare circuiteria logica, display flessibile e batteria. Il braccialetto sarebbe poi provvisto di tecnologie di comunicazione wireless per collegarsi ad altri dispositivi, come ad esempio uno smartphone, ed interagire con essi o diventarne un’estensione.

Questa impostazione progettuale consentirebbe di realizzare un dispositivo adatto alla misura del polso di chiunque, grazie all’impiego di un sensore capace di riconoscere il punto di chiusura del braccialetto per riadattare opportunamente gli elementi presenti a schermo. Il dispositivo potrebbe inoltre essere corredato di sistemi di energia a celle solari o basati sul movimento del polso per alimentare il braccialetto/orologio.

Che si tratti o meno della reale incarnazione di iWatch non lo sapremo fino al momento del suo debutto sul mercato, ma una cosa è certa: lo smart watch di Apple è molto più che una semplice ipotesi.